Quello che i nostri scarabocchi raccontano di noi

Quello che i nostri scarabocchi raccontano di noi
Quello che i nostri scarabocchi raccontano di noi, grafologia, interpretazione disegni

Quello che i nostri scarabocchi raccontano di noi, dalla grafologia preziose indicazioni per cogliere i nostri messaggi “segreti”

Quello che i nostri scarabocchi raccontano di noi è spesso molto più di quello che potremmo immaginare. Ma cosa possono rivelare? Tra i soggetti più amati, occhi e fiori: alcuni significati di questi disegni, piccole finestre aperte sul nostro mondo interiore, preziosi messaggi per chi è disposto ad ascoltare.

a cura di Annarosa Pacini

“Sarei curiosa di sapere cosa significa disegnare ripetutamente occhi aperti con folte ciglia di varie dimensioni e fiori. Se potete rispondermi ve sarei grata”. Alessandra
Cara Alessandra, personalmente, sono contraria alle classificazioni “generalizzate”, e non solo in ambito grafologico. Ogni classificazione generale rischia di farsi sfuggire quel particolare, che, invece, è spesso ciò che fa la differenza. Disegnare, o scarabocchiare, occhi e fiori può avere mille significati diversi, dipendenti dal momento, dalla persona, dall’età, dallo stile, dai colori, dall’uso dello spazio e da tanti altri parametri. Perciò le indicazioni che trovi di seguito sono da intendere in senso molto ampio. Il disegno dell’occhio può darci indicazioni sul mondo interiore di chi lo disegna, e non solo. Se non siete tra quelli che ne scarabocchiano, tracciatene adesso almeno uno su un foglio, e poi proseguite con la lettura.
Disegnarli costantemente può indicare:
se scuri
– un’interiorità forte, che ogni giorno induce ad osservare la realtà in modo profondo e ricco di sfumature,
– la presenza di questioni irrisolte, che ci turbano, che riguardano il rapporto con noi stessi e con gli altri, che sono avvertiti come pressanti, e che si vorrebbero risolvere,
– che si ha, o avrebbe, il desiderio di poter controllare e verificare le cose, per bisogno di sicurezza, di controllo o, semplicemente, per un’accresciuta maturità e consapevolezza;
se chiari
– possono indicare una certa immaturità emozionale (ovvero, chi li disegna è in una fase della vita in cui l’emozionalità dipende molto dalle situazioni esterne, quindi più condizionabile), con riferimento soprattutto la sfera emotivo-affettiva,
– in caso di individui di età adulta, l’immaturità può essere legata a rapporti parentali con legami non pienamente chiariti e/o risolti (ad esempio, una madre iper-protettiva, un padre poco affettivo, ecc.) che producono perciò delle influenze sulla vita relazionale attuale di chi disegna;
se piccoli
– una certa difficoltà ad esprimere i sentimenti più profondi, e non sempre disponibilità a cogliere le sfumature in quelli degli altri;
se grandi
– un desiderio di vedere molto, di comprendere o, viceversa, la convinzione di essere dalla parte di chi sa di più (a vari livelli, sino a perdere di vista le esigenze altrui). Le ciglia, a loro volta, possono indicare la tendenza a non voler manifestare apertamente se stessi, per timore di essere incompresi o non apprezzati. Oppure, indicare una forte energia del soggetto nell’affermare le proprie esigenze affettivo-emotive, ma in modo non sempre diretto.
Per quello che riguarda i fiori, anche per un’interpretazione a carattere generale, bisognerebbe conoscere almeno alcuni degli elementi del disegno. Quanti? Di che forma? Colorati? Con il capo chino? Soltanto la corolla? Hanno foglie? In che parte del foglio sono collocati? e così via. Proviamo comunque a dare qualche indicazione.
Se i petali sono tondeggianti, si presuppone una personalità conciliante, che ama relazioni positive. Ma se i petali sono disegnati tondeggianti semplicemente perché abbiamo imparato a scuola a farli così, tale significato potrebbe anche non essere quello più pertinente al caso. Se li si disegnasse appuntiti, più facilmente ci troveremmo di fronte ad una persona che sta sulla difensiva, critica.
Possono indicare fantasia, creatività, o desiderio di creatività. Affettivamente, che la soddisfazione affettiva maggiore la si ha nella famiglia, nella realizzazione personale, anziché in quella lavorativa. O la si vorrebbe avere. Semplicità. Insomma, come vedi, le combinazioni sono infinite.
Mettere insieme le diverse caratteristiche consente di avere un quadro assai ampio e diversificato, ancor più con l’interpretazione della scrittura. Pensiamo alla caratteristica legata all’immaturità, livello emozionale. In un adolescente può essere semplicemente un momento passeggero, una fase di transizione evolutiva. Affiancata da altri segni positivi, sarebbe un elemento non fondamentale. In un adulto, insieme a segni che rivelano atteggiamenti di distacco dagli altri – ad esempio – starebbe ad indicare una difficoltà a comprendere i bisogni altrui. Una caratteristica su cui sarebbe importante riflettere, perché potrebbe influenzare, in modo non sempre positivo, le nostre relazioni e le nostre scelte. Perciò anche i “semplici” scarabocchi diventano strumenti molto importanti, per capire meglio il nostro modo interiore, sebbene sia e resti la scrittura l’elemento più rappresentativo di ciò che siamo e che esprimiamo.

Puoi seguire Annarosa Pacini su:
“Comunicare per essere®”, canale video su YouTube
“Comunicare per essere®”, canale podcast su iTunes
Annarosa Pacini, pagina ufficiale su Facebook

COUNSELING, COACHING, FORMAZIONE INDIVIDUALE E DI GRUPPO
Strumenti per l’evoluzione personale

Annarosa Pacini apacini@encanta.it – cell. 339.6908960. Coaching e counseling anche in collegamento on line, in tutta Italia e all’estero. Riceve in studio su appuntamento, a Grosseto.

Coaching e counseling grafologico pedagogico evolutivo®

Per chi desidera stare bene, migliorare la propria vita e le proprie relazioni. Il coaching grafologico evolutivo rappresenta una scelta di intervento mirato per costruire una vita serena e realizzata. Un problema, una difficoltà, che sia personale, affettiva, professionale, familiare, diventa un’occasione. Di riflettere, decidere, diventare più consapevoli e, grazie agli strumenti giusti, ci permette di cambiare la situazione. Il metodo utilizza strumenti esclusivi come grafologia evolutiva®, scrittura evolutiva®, attivazione del pensiero profondo®, formazione relazionale e comunicazionale(anche in modalità counseling e coaching on line, tramite Skype). E’ un metodo adatto a tutti, con modalità peculiari secondo le diverse fasce di età. Per richiedere una consulenza on line scrivi a: apacini@encanta.it

Profilo grafologico, con il metodo della grafologia evolutiva®, in esclusiva

Un metodo che valorizza le caratteristiche individuali in una prospettiva di crescita personale. Fornisce un profilo completo, delle caratteristiche intellettive, temperamentali, emozionali, relazionali e risponde anche a quesiti specifici (problemi professionali, di coppia, familiari, fasi di passaggio della vita). Comprende la stesura del profilo e, per chi lo desideri, la possibilità di integrarlo con un colloquio in cui passo per passo sono spiegati approfonditamente tutti gli elementi emersi, per focalizzare con chiarezza le proprie caratteristiche, i punti di valore, le risorse, le possibilità, le dinamiche e le strategie più favorevoli all’evoluzione personale individuale. Per richiedere un profilo di grafologia evolutiva® scrivi a: info@grafologiaevolutiva.it

Formazione evolutiva e relazionale

Corsi e seminari brevi di formazione on line ad alta personalizzazione a numero chiuso e anche per target mirati (single; coppie; genitori; professionisti; docenti; terza età etc.) e corsi residenziali esperienziali. Per informazioni: comunicare@encanta.it (per essere aggiornato su tutte le iniziative visita la sezione “Eventi”)

Shares

Potrebbero interessarti anche: